Report

13 post

Il lettering dei fumetti di Jack Kirby

Pubblicato in Report, Grafica trovata


Non so molto del fumetto classico, so poco o niente dei personaggi e delle rivalità tra Marvel e DC Comics, ma ogni volta che mi capita di andare a visitare una mostra su un fumettista storico rimando a bocca aperta.

Questo il caso di Jack Kirby. Mostri, uomini, dei, la mostra monografica organizzata da Associazione Hamelin per Bilbolbul 2018, festival internazionale del fumetto. L'ho visitata senza sapere a cosa andavo incontro, da semplice curioso. L'unica cosa che sapevo era che ogni mostra alla Fondazione del Monte, in ogni edizione del festival, si è sempre rivelata valida. L'altra che mi folgorò fu quella bellissima dedicata a Chris Ware per Bilbolbul 2016. E così è stato anche per questa di Kirby.

Come sempre quando vedo le tavole originali di questi maestri è l'enorme precisione nell'usare l'inchiostro, nell'usare i rattoppi e anche l'enorme perizia nel disegnare i caratteri tipografici. Che siano le onomatopee tipo BANG! SWISH! BOOM! oppure i titoli degli episodi, il lettering è sempre molto curato e, ai miei occhi, bellissimo.

Ho raccolto alcuni dettagli che mi hanno colpito in queste foto.

IMG 5518
Un pannello della mostra
IMG 5512
Bordi irregolari
IMG 5513
Un mix super dinamico di testo e azione
IMG 5514
SMAASH! YEEAAH!
IMG 5515
IMG 5516
Bellissima composizione tipografica
IMG 5517
IMG 5519
IMG 5520
Copertina a colori
IMG 5521
Colori bellissimi, layout impeccabile
IMG 5522
IMG 5523
WROK!

Un grafico alla Fiera del Libro per Ragazzi 2019

Pubblicato in Report


Ieri sono tornato alla meravigliosa Bologna Children’s Book Fair, l’evento di riferimento non solo per chi lavora nell’editoria per bambini e ragazzi, ma anche per chi, come me, è appassionato di illustrazione, libri, grafica. Qui trovi il racconto della mia gita all’edizione 2015.

I miei obiettivi primari sono sempre gli stessi:

  1. visitare la mostra degli illustratori selezionati (76 artisti su 2.901 partecipanti da 62 paesi), quest’anno ha vinto Sarah Mazzetti
  2. visitare lo spazio del Paese Ospite d’Onore (ogni anno c’è un paese del mondo ‘ospite’ delle Fiera che ha uno spazio speciale), quest’anno la Svizzera
  3. fiondarmi a vedere cos’hanno preparato i Coreani (che ogni anni mi fanno impazzire).
IMG 6376
Ore 9, all'ingresso, gente da tutto il mondo
IMG 6377
Una porzione del famoso «Muro degli illustratori», dove ogni illustratore lascia il proprio recapito

La mostra degli illustratori

IMG 6378
Ying-Hsiu Chen (Taiwan), Departure
IMG 6387
Anna Sarvira (Ukraine), The cat who lived a million times
IMG 6390
IMG 6392
Yu-Tung Tai (Taiwan), Pururu
IMG 6394
Santiago Wardak (Italia), The recatcher
IMG 6396
Holman Wang (Canada), Great job, dad!

L'identità visiva

Quest'anno l'identità visiva della Fiera mi è piaciuta davvero tanto. Il progetto, come sempre diretto da Chialab, quest'anno aveva come protagonista le meravigliose illustrazioni di Masha Titova, vincitrice del concorso illustratori dell'anno 2018. Ogni spazio fisico della fiera (il Caffè degli autori, il bookshop ecc) era caratterizzato da illustrazioni diverse e coordinate tra loro.

Il lavoro di creazione di questo universo visivo è stato raccontato in alcuni pannelli all'ingresso della mostra degli illustratori e in questa pagina web.

IMG 6381
IMG 6382

Svizzera, paese Ospite d’onore

Quest’anno era la Svizzera ad essere il paese Ospite d’onore, con una mostra e un catalogo dall’identità visiva molto riconoscibile. Allestimento super sobrio, ma efficace, tutto basato sulle lettere dell’alfabeto.

Non ho potuto non comprare il loro catalogo, molto ben realizzato, bella carta e bellissimo progetto grafico.
Hanno anche fatto un bel sito per l’occasione bologna2019.ch.

IMG 6385
IMG 6386
Font svizzero + belle illustrazioni: slurp!

Lo stand Cina

Con una bella mostra di illustratori al suo interno.

IMG 6406
IMG 6399
IMG 6400
IMG 6401
IMG 6402
IMG 6403
IMG 6404

Randomness

IMG 6407
Personaggini simpatici
IMG 6408
Brooom
IMG 6409
Ciao draghetto
IMG 6410
Il nome più bello
IMG 6411
Fondali che renderebbero piacevole anche la più noiosa delle riunioni
IMG 6413
Passeggiata nel bosco

All’improvviso Taiwan

Dopo avere visitato lo stand della Corea del Sud, che è sempre stupendo, mi sono imbattuto casualmente nel bellissimo stand di Taiwan, con tanti librini da sfogliare e delle belle tavole in mostra. Non mi aspettavo tanto, l'anno prossimo so già che cercherò non solo la Corea del Sud, ma anche Taiwan.

IMG 6416
La mostra di Taiwan
IMG 6417
Dino
IMG 6419
:-(
IMG 6420
Drin!

Alla fine della fiera, in tutti i sensi, sono tornato a casa con tante immagini stupende, stampate su cartoline, libri, poster, borsine. Non mi resta che visitare le mostre in città.

IMG 6422

Emmaboshi goes Giardini e Terrazzi. Una commedia popolare in tre atti

Pubblicato in Report


Personaggi

  • Emmaboshi (abbreviato in E): Grafico post maniera, seconda esperienza di mercati, spaventato
  • Marco (abbr. M): designer, amico, compagno di stand, veterano di tanti mercati, calmo
  • Venditore di tovaglie antimacchia (abbr. VT): vicino di stand, esperienza mercati livello Van Damme, viscidezza livello Slimer
  • Venditrice di tovaglia antimacchia (abbr. VT, sì come il collega uomo, le battute sono intercambiabili): vicina di stand, parlantina livello Bergonzoni vs Vanna Marchi.
  • Passanti: umanità varia che cammina ininterrottamente per tutta la durata dello spettacolo in tutte le direzioni tra il pubblico e gli stand

Allestimento

Ambientazione

Bologna, Giardini Margherita

Periodo storico

Tarda primavera del 2017

IMG_1096


ATTO I° - Venerdì

Il sipario si apre con i due protagonisti E+M che allestiscono il loro gazebo comprato su Amazon due giorni prima. È arancione e fragile, ma alla fine dignitoso (scrivere recensione positiva su Amazon). Di fianco a loro si vede l’ala ovest del gazebo fortificato dei Venditori di Tovaglie, allestimento perfetto, mille tovaglie piegate sui tavoli che lo circondano, ponte levatoio e aria condizionata.

E — Oggi hanno messo pioggia?

M — Sì forse due gocce nel tardo pomeriggio.

E — Ah, ok. Senti ma questi poster dove li appoggio, non vorrei che si rovinassero.

M — Prova a metterli lì dietro.

E — Sì mi sembr (si interrompe)

VT - BUONGIORNO SIGNORA HA PROVATO LA TOVAGLIA ANTIMACCHIA GUARDI OLIO CAFFÈ COCA COLA VEDE NON SI MACCHIA LA LAVA A QUARANTA GRADI E NON LA STIRA SIGNORA

E (rivolto ad un passante che si è fermato a guardare) — Sì ciao queste magliette le progetto io qui a Bologna, vedi questa è fatta in collaborazione con una illustratrice bravissima qui di Bologna che ha realizzato il pattern tropicale che vedi qui apposta per questa t-shirt.

Passante — (annuisce)

E — Sono tutte in cotone biologico, hanno una mano liscissima, senti, cucite secondo i criteri dell’Organizzazione Mondiale del Lavoro, senza sfruttamento e a basso impatto ambientale, come sai nell’industria tessile per abbassare i prezzi sempre di più sfruttano i lavoratori, le risorse naturali Passante — (continua ad annuire) Hey Lucia vieni a vedere che carina questa Passante 2, avvicinandosi — Uhm sì, dai andiamo passiamo dopo.

Passante 1 — Grazie, magari passiamo dopo.

E — Tieni ti lascio questo (porge un flyer al passante), sul sito trovi tutte le produzioni, c’è anche una newsletter che scrivo io con le anteprime delle nuove grafiche a cui sto lavorando, preordini a prezzi speciali e

VT — TOVAGLIE ANTIMACCHIA SIGNORI SI LAVANO A QUARANTA GRADI E NON SI STIRANO CHE BEL CAGNOLINO SIGNORA COME SI CHIAMA FUFI BEL NOME VENGA A VEDERE ARRIVEDERCI CI SIAMO FINO A DOMENICA MA I PEZZI MIGLIO CI SONO OGGI SIGNORA TOVAGLIA ANTIMACCHIA SIGNORI GUARDATE

Inizia a piovere in scena. Nel Gazebo Zattera E+M si guardano e corrono a prendere i teloni, iniziano a fissarli rocambolescamente al gazebo. La pioggia si infittisce.

E — I POSTER! (sposta i poster al coperto) LE SCATOLE CON LE MAGLIE! Presto! Via via via! Fissiamo meglio i teli con le pinze, dove sono le pinze. Ah merda il telo è lercio. Marco mi passi una pinza? Grazie

M — Una molletta qui Emma, presto!

Nel frattempo i venditori di tovaglie, arroccati nel torrione mansardato, vanno in stand by. La pioggia aumenta e si mischia a grandine. Il gazebo Zattera somiglia sempre più al quadro di Géricault, inizia a piovere dentro, M apre un ombrello mentre E fa defluire un fiume d’acqua che attraversa il retro, dove il tombino è otturato, tenendo sollevato il telone con un piede mentre sposta di nuovo i poster incorniciati e con lo sguardo cerca altre brecce. La pozza d’acqua sul pavimento del gazebo Zattera aumenta.

E — Cazziamo la randa!

La scena rimane sostanzialmente invariata per quaranta minuti.

ATTO II° - Sabato

Sole, caldo, i passanti triplicano.

E (rivolto a M) — Direi che dopo l’uragano di ieri oggi può solo andare meglio.

M — Speriamo

E — Fa un po’ caldino qui sotto vero?

M — Si muore.

E rivolto ad una prospect

— Sì ciao questa borsa fa parte dell’omaggio che ho voluto fare al telefono a rotella. C’è anche la t-shirt uomo in bianco e in giallo, quella da donna invece è più slim fit, con la maniche più corte, e c’è anche questo zaino, comodo perché te lo puoi tenere piegato in borsa e tirare fuori solo all’occorrenza. Sempre cotone biologico, sempre

VT — SIGNORA HA PROVATO LA TOVAGLIA ANTIMACCHIA DI CHE MISURA CE L’HA IL TAVOLO SIGNORA SUL TAVOLO TONDO METTE LA QUADRATA STA BENISSIMO VEDE NON DEVE NEANCHE CANDEGGIARE PENSI AL RISPARMIO

ATTO III° - Domenica

Gli attori ripetono questo pattern di battute per 10 ore e per tutto l’ATTO III° intervallata da alcune vendite. L’opera si conclude con lo smontaggio generale, facce stravolte tipo post maratona, entrano alcuni Ducato Maxi in scena, i venditori di tovaglie si scusano MA SE NON FACCIAMO COSI LA GENTE MICA SI FERMA MI DISPIACE PER I NOSTRI VICINI.

E — Si figuri signora, arrivederci.

IMG 1096

Una cosa divertente che non farò mai più

Pubblicato in Report


Una cosa divertente che non farò mai più è il titolo italiano di un’opera di David Foster Wallace che ben descrive la mia giornata di ieri in veste di espositore all’East Market di Milano Lambrate, dove ho presentato la nuova Emmaboshi Collection.

Logo Emmaboshi Collection3

Essendo ormai sedici anni che faccio il mestiere di grafico non sono mai stato abituato a fare il mercante in fiera. In questi anni ho imparato a fare il venditore one-to-one, o one-to-few, presentando in maniera chiara il mio progetto visivo al committente.

Già per arrivare a questo ho dovuto faticare e studiare molto attentamente Don Draper presentare le sue campagne di advertising, evitando però di passare tutto il tempo, come Don, a bere Old Fashioned e ad essere turbato. Il mio ring è stato sempre una sala riunioni, un tavolo, delle sedie, alcuni fogli, non un enorme hangar con duecento venditori, tutti evidentemente più scafati di me.

Ad ogni modo, il dado era tratto e anche la Emmaboshi Collection si meritava la sua presentazione in società. One-to-many.

IMG_0905

Alle ore otto antimeridiane bisognava essere pronti per allestire per cui la sveglia, a Bologna, è stata puntata alle ore quattro e trenta (sì, hai letto bene). Cinque e trenta caricamento dell’apposita Mégane Scénic del mio compagno di ventura Christian Deligia, col quale avrei condiviso lo stand 2x2,5m.

Christian aveva già partecipato ad una edizione del market, il che lo metteva in una posizione di ‘veterano’ rispetto a me. Per fortuna lui è molto meno ansioso di me.

La via davanti alle due entrate dell’hangar è tutto un brulicare di furgoni, macchine, persone, tutti intenti a scaricare. Inizi a riconoscere gli esperti perché hanno il carrellino, noi da novellini andiamo giustamente a braccia. Immagino nell’era neolitica il primo uomo che inventò la ruota e la faccia di tutti gli altri che sbiancano. Gli altri eravamo noi.

Il nostro loculo è assegnato con dei crocini di gesso tracciati sul pavimento composto da bellissime assi di legno semi distrutte dall’usura. Montiamo tutto e iniziamo a fare conoscenza con i nostri vicini. Tutti positivi e cordiali, si respira aria di fratellanza tra chi si è alzato presto di domenica mattina per tentare la fortuna. Questa cosa, almeno lato mio, ha creato all’istante un senso di appartenenza e di tribù.

Alle dieci il mercato apre, inizia la musica «che dà veramente un tono all’ambiente», come il tappeto di Lebowsky. Un ragazzo dello staff gira per gli stand con un carretto a pedali vendendo caffè, tè, brioche per gli allestitori. Giustissima lettura delle necessità, non ti puoi allontanare dallo stand, ti sei alzato presto, te lo consegno a domicilio. Tornerà con birre nella seconda parte della giornata.

I primi visitatori i sono signori del quartiere, anche anziani, in coppia, a volte con i loro cagnolini, che fanno la passeggiata domenicale. Mi domando se possano essere un mio target, scopro che non lo sono. Non sono il target di nessuno, ma va bene lo stesso.

La folla cresce, nel frattempo provo vari tipi di ordinamento delle t-shirt realizzando che lo stendino in se non è diverso dalla homepage del mio sito (che ti ricordo è emmaboshi.net/shop), ovvero la prima t-shirt dello stendino è la grande immagine che fa da copertina del sito, tutte le successive non sono altro che i blocchi di contenuto che scrollando la pagina ti portano al footer.

Cerco di capire quale grafica stia attirando più curiosità rispetto alle altre, leggendo le statistiche, ovvero lo sguardo dei visitatori, la loro età apparente, lo status sociale, le pagine che seguono su Facebook, tipo di arredamento di casa e altri dettagli che su Google Analytics faccio più fatica ad incrociare.

Inaspettatamente registro che più gente del previsto è attratta dai poster, che mi ero portato dietro come completamento dell’offerta, ma che pensavo in quel contesto di abbigliamento che sarebbero stati semplici gregari. Non conoscevo però il contesto East Market, pensavo fosse 50% vintage e 50% design, invece è un mercato 99% vintage di abbigliamento ma anche arredo, quindi la gente è lì per vestiti e oggetti.

I poster li avevo incorniciati per esporli, sottovalutando che così erano dei begli oggetti già fatti e finiti. Infatti scopro che la gente vuole sì i poster, ma li vuole già incorniciati. «Cado dalle nubi» (cit) e con il mio tipico ritardo mi rendo conto che oltre al bel soggetto, bella carta, bei colori, sono disposti a pagare di più per avere il prodotto finito da appendere, senza lo sbattimento di andare all’Ikea a cercare una cornice.

Perché non ci avevo pensato prima?

Perché sono un grafico, che vive di grafica, e pensa che la grafica basti, trascurando in questo caso le esigenze dell'utente, il quale non ha tempo né voglia di completare un prodotto che acquista. Oggi sono più maturo, ma ieri ho perso almeno quattro clienti disposti a pagare il doppio per avere il poster già incorniciato. A loro ho detto, «Se passi a fine giornata te lo vendo incorniciato, ma ora mi serve da esposizione». «Ok», mi rispondono. Secondo te li ho rivisti?Esatto. Ho esaurito le mani da mangiarmi.

Tutti comunque incuriositi dai poster, chiedono il prezzo e ascoltano volentieri la storia di ognuno di essi (la giraffa, Lucio Fontana, Nikola Tesla, Freak Antoni). In omaggio assistono anche ad un po’ del mio teatrino, che mi sale spontaneo quando ho una storia solida da raccontare.

A tutti lascio il flyer (utilissimo!), perché se non sei cliente oggi magari lo puoi essere domani (con calma eh, senza fretta), da casa tua, o magari ti iscrivi al bollettino, dove di teatrino ne faccio molto. La giornata scorre lentamente, il caos aumenta, il sonno incombe, l’ansia da vendita si insinua nel sistema nervoso. Qualche vendita. Sono le cinque di pomeriggio ma con il mio fuso è già mezzanotte. Ora è il momento di essere freschi perché c’è il picco di traffico. La musica aumenta, trovo non so dove (birra?), una riserva di energia per lo sprint. Passano tanti amici milanesi a trovarmi (vi amo) e alcuni di questi che non posso citare svoltano il mio incasso della giornata. Non smetterò mai di ringraziarli. Altri mi portano entusiasmo, supporto morale e possibili agganci alla realtà milanese. Cose immateriali, che non entrano nel mio severissimo file di Excel, ma sono potenziali strade di business nuovo. Patrimonio immateriale.

Metà degli acquisti sono stati fatti da persone che già conoscevano storie riassunte nella Emmaboshi Collection, l’altra metà l’ha scoperta lì per lì e l’ha apprezzata. Sunto? Racconta tutto, per bene, o lascia perdere. È quello che online cerco di fare da tempo, ora lo farò anche dal vivo nei prossimi mercati, a Bologna 12–14 maggio Giardini Margherita, 19–21 maggio Serre dei Giardini Margherita.

Quindi, tornando al titolo di questo post, non è che non farò più mercati, ma non farò più delle alzatacce alle 4:30 am per parteciparvi. mi auguro.

La giornata volge al termine, gli espositori iniziano a smontare rapidamente e in silenzio, tutti provatissimi. Si chiacchiera, ci si chiede a vicenda com’è andata, riaffiora l’alchimia tribale della mattina.

Scatole, furgoni, fumo, rotelle che sferragliano. Ad un certo punto il nostro vicino di stand, espertissimo venditore brizzolato di vintage che ho studiato per tutto il giorno mi si avvicina, nel capannone ormai deserto, e con un sorriso vero e stanco mi porge una piccola confezione di cartone. Al suo interno un Tronky. Se non è fratellanza questa.

(immagine di me al ritorno, all'area di servizio Secchia Ovest, ore 23:35)

IMG_0935
Logo Emmaboshi Collection3

Un grafico al Kerning 2016

Pubblicato in Report


Anche quest’anno il Kerning si è confermato un appuntamento chiave per chi lavora nella grafica in Italia. Si è tenuto sempre a Faenza, sempre al Cinema Sarti.

Il visual di quest’anno

Il visual, calligrafico, di questa edizione è stato curato da Luca Barcellona, che ha scritto «Black fire on white fire» in un blackletter frizzantino. Tutto molto bello, ma ho perso due ore a cercare di capire cosa ci fosse scritto nella seconda riga.

Jonathan Barnbrook

@barnbrook

Grafico inglese che ha lavorato alla grafica degli ultimi dischi di David Bowie, tra cui The Next Day e . Racconta di come la semplicità finale di queste due copertine abbia scatenato il cosiddetto popolo del web che ne ha fatto delle varianti esilaranti.

In questa foto il font Bastard che ha progettato nel 1990.

Interessante anche il lavoro di ridisegno sui font dei murali simbolo del conflitto in Irlanda del Nord. Li ha studiati e raccolti nel progetto Resolution: Northern Ireland e resi scaricabili gratuitamente (per uso politico!).

Bellissima anche questa raccolta fotografica: Northern Ireland political murals.

Marta Bernstein

@MartaBernstein

Una dettagliata ricognizione di ciò che è stato il disegno di caratteri tipografici nell’Ottocento in Italia, un argomento a quanto pare poco conosciuto, ma di enorme ricchezza.

Un viaggio tra bellissimi specimen e caratteri floreali di 'mille e una' mini tipografia italiana, caratteri in piombo.

Richard Rutter

@clagnut

Fondatore della mitica digital agency Clearleft, Richard Rutter ci racconta di come la scelta dei font appropriati amplifichi la potenza del messaggio che si vuole trasmettere. Ad esempio lo stile tipografico di un manifesto 6x3 deve colpire, interrompere, bucare, quello di un libro invece deve essere il più invisibile e fluido possibile, per rendere scorrevole la lettura.

Il font inteso come il vestito delle parole, quindi, come per l’abbigliamento, esistono omologazione (tutti che usano gli stessi font, mode), malintesi (font sbagliati per il contesto) e correttezza (qual è il font più adatto? non per forza il più bello).

Esempi di grande stile e coerenza tra online e offline: Pelican Books e The Great Discontent.

Altre referenze: Typorn, Fonts in use, Size Calculator.

Luca Barcellona

Flickr

Blasonatissimo calligrafo, writer e rapper ci racconta il suo lavoro e di quanto sia importante la cosiddetta mindfulness, che da come l’ho intesa vuol dire in qualche modo perdersi nella propria concentrazione mentre si lavora. Ovviamente è necessario che ti piaccia quel che fai (dettaglio non trascurabile). Ci mostra anche questo video in cui lui scrive, mentre un karateka fa la sua cosa.

Mark Boulton

@markboulton

Inglese anche lui, con uno studio che porta il suo nome di recente acquisito dal colosso Monotype. Ha lavorato per il CERN di Ginevra, che un giorno si è presentato da lui e gli ha detto: abbiamo 11.000 siti che non c’entrano niente uno con l’altro. Ci potete aiutare a creare una sistema di design coerente per tutti? Beh, abbastanza stimolante / paralizzante.

IMG_6173

Qui c’è un suo post Design systems in difficult places e qui il suo talk, registrato alla Smashing Conference di San Francisco il 6 aprile 2016.

IMG 6162

Filantropia portami via, ovvero un grafico a Foto/Industria 2015.

Pubblicato in Report


Ieri si è conclusa Foto/Industria 2015, la seconda biennale di fotografia industriale organizzata dalla Fondazione MAST. Quattordici mostre (14!), a ingresso gratuito (gratis!), in diverse sedi della città (Bologna!) e io me ne sono viste una decina. Spoiler: sono una più bella dell'altra.

Pinacoteca: David Lachapelle

Stampe giganti con colori super glamour, in pieno stile Lachapelle. Monumentali raffinerie di petrolio sono ricostruite con lattine, cannucce, barattoli. Tutto molto metafisico e luccicante. Voto: De Chirico sotto ecstasy.

lgesqpihw85maa_small.jpg

Palazzo Pepoli Campogrande: Edward Burtynsky

Una incredibile proieizone di foto. Bellissimo l’allestimento, con delle panche oblique, il buio, l’ottima spazializzazione sonora. Stupende foto di cave, campi di colture intensive, enormi geometrie umane a spese della natura. Orrore e meraviglia. Voto: soia OGM.

ly6rpmqkqrgfwq_small.jpg

Fondazione Carisbo: O. Winston Link

No questo mi ha ribaltato. Sono entrato senza leggere il pippone all’entrata (per il problema di cui sopra), e mi sono lanciato nella immagini. Bellissime foto in bianco e nero, anni Cinquanta, Stati uniti rurali, inizio a immergermi, e inizio a vedere che in ogni foto, vicino al drive in con le auto decappottabili, nella finestra di un umile interno, in un paesaggio, c’è sempre una imponente locomotiva a vapore nera che sbuffa. L’epifania.

Insomma tutto questo progetto fotografico non è solo sulla vita in Virginia nel 1956, ma è un progetto sulle ultime corse dei treni a vapore della Norfolk and Western Railway. In ogni dannata foto, già bellissima di per se, compare il treno. Allora l’immersione è ancora più profonda, lacrime, caldane, tutto. Già solo questa mostra valeva tutto. Voto: il treno ha fischiato.

2glfdgwqfb6sg_small.jpg

Fondazione Del Monte: Gianni Berengo Gardin

Classicissimo bianco e nero, foto di industrie tessili, impianti tipografici, depositi di tram, Milano. Sempre stupende, ma niente di nuovo. Voto: babbo.

h7tfw6edfvf5w_small.jpg

Museo Della Musica: Kathy Ryan

Oh, qui entrado ho pensato «Eccola la mostra tiepidina, finalmente». Entrando vedo delle stampe quadrate, piccole, molto diverse una dall’altra, apparentemente senza un nesso, poi leggo che si tratta del racconto di una giornata del capo del servizio fotografico del New York Times Magazine (scattate da lei stessa), e tutto inizia a prendere senso. Poi scopro la sala attigua dove c’è la solita stupenda proiezione, con panche, musica elettronica stile Matmos (rumore di matita su foglio, telefono che squilla, violino in lontananza ecc) ed è wow. Le stesse foto di prima sono proiettate grandi 2x2m, mi immergo. Bellissime geometrie, giochi di luce, ritratti, uffici vuoti, particolari dell’edificio (del buon Renzo Piano). Voto: Made with iPhone.

wbr4osutlfg02q_small.jpg

Museo Della Storia Di Bologna: Hein Gorny

Eccole, foto di prodotti, anni Trenta, bianco e nero, tedesche, ora sì che mi scende la catena, e invece no (mannaggia)! Sono composizioni incredibili, geometriche, razionaliste dei prodotti Pelikan (quella della cancelleria), Bahlsen (quella dei biscottini buoni buoni) e Rogo (produttrice di nylon, boh). Svengo quando vedo una fotografia di aghi, non per la mia fobia degli aghi, ma per la bellezza ordinata della composizione. Voto: wafer ricoperti di cioccolato.

0s5ewxoxe2ysnq_small.jpg

Museo Di Palazzo Poggi: Léon Gimpel

Che caldo! No davvero, abbassate un po’ il riscaldamento. Beh comunque, foto minuscole di luminarie parigine negli anni Venti, le prime, le più pionieristiche. Preziosissime, sembrano dei positivi retroilluminati. Tutti molto pigiati, troppa gente, ho visto poco, ma quel che ho visto era molto molto suggestivo. Da approfondire. Voto: Lumiére.

dyxssffhqaaxtq_small.jpg

Insomma, a Isabella Seragnoli, che ha reso possibile tutto questo, regalo il mio cuore (in omaggio anche la mia anima). Allego foto di me dopo le mostre, con una testa così:

mvav1ckbg9pbmg_small.jpg

Filantropia, portami via.

Mvav1ckbg9pbmg small

Un grafico a Typo Berlin 2015

Pubblicato in Report


Typo Berlin è una delle conferenze più interessanti in Europa dedicata a noi grafici, type lovers, new typographers, type designer, type addicts, type enthusiasts. Gli facevo la corte da anni, e finalmente è arrivato il momento. Questo è il mio racconto di una tre giorni di inspiration overload. Fai finta di essere al bar con me che scorro le foto sul cellulare e te le descrivo con grande foga, ma senza sputacchi e con la comodità che puoi chiudere e andare senza dovere inventare nessuna scusa.

Day 1: Haus der Kulturen der Welt, Berlin

Location pazzesca, tanti piccoli stand, libri, brochure, poster.

Diceva, fagliela un'identità visiva alla Casa delle Culture del Mondo

klotb88gj0pjcg_small.jpg

E trovami una sala da mille posti

rwxoozy7ypnrza_small.jpg

Jon Bargeman, Encourage the ferret

jonburgerman.com Parte tutto dal video del furetto che attraversa un campo da calcio e nessuno sa come prenderlo. Ovviamente nessuno è stato mai addestrato per prendere un furetto in corsa e chi ci riesce è perché sta improvvisando. Così parte il suo talk, parlando di improvvisazione e di casualità. L'illustratore di New York arriva sul palco vestito con una giacca giallo banana tutta scarabocchiata (da lui). Parla dei suoi esperimenti a Williamsburg come fette di limone giganti attaccate a secchi e bidoni della strada. Ed è subito cocktail.

hurjyhppg0c2xw_small.jpg

Dipinge sui muri, scarabocchia su carta, fa diventare le sue illustrazioni tridimensionali per una sua mostra invitando i visitatori a giocarci, ricomporle, creare storie.

dmxltmyqd72dw_small.png

Livello lacrime: fiume.

egphd45iyruv5a_small.jpg

La Haus der Kulturen der Welt vista dalla prestigiosa terrazza

rssvtezbbfgija_small.jpg

Vuoi fare felice un grafico? Libri libri libri.

xioa7lnxrggcg_small.jpg

Ma anche würstel würstel würstel.

typo-010.jpg

La borsa dell'evento, fatta tipo Freitag, con la chicca della personalizzazione con lettera adesiva, rigorosamente con font e colore giusti.

typo-011.jpg

Workshop gratuiti (ma a posti limitati) di questo genere.

yyhjydao1osmzg_small.jpg

Oliver Reichenstein, Structuring information

Digital Designer (Zurich), fondatore di information Architects ia.net (già così le lacrime sarebbero incontrollabili). Mostra le foto della Shīgaia Ōshan Dōmu, la famosa spiaggia artificiale giapponese, solitamente photoshoppata male nelle brochure e oggi chiusa.

typo-016.jpg

Vive 10 anni in Giappone e racconta di come la complicazione inutile delle interfacce renda inaccessibile l'informazione ai più.

typo-014.jpg

iA ha curato l'architettura dell'informazione del nuovo sito del Guardian. Lasciatemi qui.

typo-015.jpg

Livello lacrime: spiaggia artificiale.

George Zisiadis on Designing for joy

georgezisiadis.com

yb5bvldmzfou4g_small.jpg

George really wants to make you smile. Un ragazzo che è finito addirittura in un laboratorio di ingegneri aerospaziali per farli divertire e progettare insieme dei satelliti. Snocciola una infinità di case histories con la leggerezza che solo gli americani entusiasti sanno avere.

tympzrlb1uzlca_small.jpg

La sua folgorazione quando a Central Park è comparsa questa installazione di Christo.

ive1agyfppivma_small.jpg
mt3bq81qc961sg_small.jpg

Inizia a schizzare idee su fazzoletti, la cosa gli piace perché lo costringe ad essere immediato e sintetico. Ci prende gusto.

hpsy90dgswtnrq_small.jpg

Conclude dicendo che fino a quel momento ci ha mentito. Che tutti i progetti che abbiamo visto non erano fatti da lui, ma da questo bambino. Morale: vai a svegliare il fanciullino che dorme in te.

jdokcngof6o1q_small.jpg

Livello lacrime: pioggia tropicale.

Notte

La bellezza di questa metropolitana

wckhft6rasawg_small.jpg

Autophotobombing

l6rxnkzwvh73oq_small.jpg

Se hai tempo fallo un manifesto carino

4qts7v5ffbg7g_small.jpg

Luc(as) de Groot

lucasfonts.com Parla dei font estremi che ha progettato, dal più sottile al più largo, super wide e super thin. Parla della quantità di glifi che contiene un font ben progettato, i suoi antenati de Groot/the Great. Mostra le foto dei suoi font in azione, dai preparati per dolci sugli scaffali del supermercato a delle insegne ale due metri.

typo-033.jpg

Livello lacrime: rubinetto che perde

Mondaine

Megaspot per la Mondaine, ci spiegano quanto è importante per loro il lettering e il loro connubio tutto svizzero col font Helvetica. Ci mostrano le schermate preparatorie per i loro quadranti.

typo-037.jpg

Livello lacrime: lago di Ginevra.

Peter Biľak on The history and future of font licensing

fontstand.com

typo-038.jpg

Ci racconta di come il sistema di licensing per l'utilizzo dei font, così com’è, ora non funziona. Ci porta gli esempi di Spotify e Pandora che con un milione di riproduzioni su Spotify fruttano all’autore del brano poco meno che il guadagno della una vendita di una tshirt. I font sono costosi da comprare a scatola chiusa, ed è illegale rubarli. Ci presenta quindi la sua opera: Fontstand, il suo nuovo progetto di noleggio font equo sia per il typo designer che per i grafici. Puoi provare il font, paghi una frazione del suo costo ogni mese, se lo vuoi usare per sempre lo compri, altrimenti hai speso solo per l’affitto. Estremamente interessante.

typo-039.jpg

Livello lacrime: tsunami

Intervallo

Salsicce, Torre della televisione e grafici.

h8zrvhrr4melq_small.jpg

Gemma O’Brien on Death to inspirational quotes

instagram.com/mrseaves101/

ibx8h1fglepy5g_small.jpg

Illustratrice, typographer, lettering artist da Sydney specializzata in hand lettering. Ci mostra i suoi lavori, è bravissima, dipinge sui muri scrive su carta, lavora con molte riviste.

elam2vlnpgyzug_small.jpg

Quasi cinquantamila follower su Instagram instagram.com/mrseaves101

si4gjsgq3cywrg_small.jpg

Livello lacrime: baia di Sidney.

Eric Jarosinski on Nothing new. Nihilism as character development

twitter.com/neinquarterly

icfyowiaq1i82w_small.jpg

Geniale ideatore di Nein Quarterly (A Compendium of Utopian Negation), autore di tweet dall’immenso sapore comico filosofico.

qcjecb92ucrnug_small.jpg

Più di centomila follower su Twitter. Ha anche una rubrica fissa su Die Zeit. Seguitelo qui twitter.com/neinquarterly.

Ad esempio:

I’d say Twitter’s ruined everything. But I refuse to give it that much credit.

— Nein. (@NeinQuarterly) 27 Maggio 2015

typo-047.jpg

I suggest you follow the money. But don’t friend it.

— Nein. (@NeinQuarterly) 16 Maggio 2015

typo-046.jpg

what the fuck = ontology. how the fuck = logic. how the what the fuck = epistemology.

— Nein. (@NeinQuarterly) 4 Giugno 2014 Livello lacrime: denti stretti.

Gigantesco lettering stupendo.

d3twuojzst9a_small.jpg
rj8gxr7f8q3twg_small.jpg

Ancora treni gialli.

typo-049.jpg

Tram gialli e forme pulite. Uhmmm.

typo-051.jpg

Aaron James Draplin on Tall tales from a large man

draplin.com

m9znqggxnuzrbg_small.jpg

Grafico americano mattatore sul palco con video, musica e grande humor.

l5n7enq9rlzpg_small.jpg

Ci riepiloga il suo percorso lavorativo, da quando ha rifiutato lo sport a quando ha iniziato a lavorare per gli amici snowboarder facendo loghi, per poi passare a lavorare nel magazine di riferimento per gli snowboarder.

typo-052.jpg

Lo staff di Obama lo chiama per disegnare un logo che finisce su tutti i cartelli di cantiere pubblici degli Stati Uniti.

typo-053.jpg
typo-057.jpg
typo-058.jpg
typo-061.jpg

Dedica il suo speech a suo padre.

typo-063.jpg

Livello lacrime: concerto dei Led Zeppelin.

Josh Higgins on Building a character

joshhiggins.com Nato punk rocker, finito a girare gli Stati Uniti sotto contratto di una major, ha aperto, tra gli altri, anche per i Fugazi. Per me avrebbe già vinto, ma non basta.

typo-065.jpg

Viene chiamato dallo staff di Obama per dirigere il team grafico per la sua campagna 2012 di rielezione.

typo-067.jpg

Lavori strepitosi «for the man».

typo-068.jpg

Racconta del redesign della pagina di donazione, dei vari AB test condotti: foto grande/foto piccola, video di Obama/non video di Obama, ecc. La campagna Obama ha raccolto $1.2 miliardi, di cui online $625 milioni, una cifra mai raggiunta prima. Dice che grazie ai test AB hanno evitato di perdere circa $125 milioni.

typo-073.jpg
typo-074.jpg

Finita la campagna è stato chiamato a lavorare da Facebook. Non se la passa male.

typo-075.jpg

Livello lacrime: Marte. Preso bene con il meteo

typo-077.jpg

Paul van der Laan, Erik van Blokland

letterror.com Ideatori di TypeCooker typecooker.com

TypeCooker is a tool for generating type-drawing exercises. The system creates a random list of requirements for a typeface, but with relevant criteria. Each exercise will contain different rules. That does not necessarily result in a nice, pretty or useful design, but it will always be possible to design something to fit the problem.

Revisione dei lavori di calligrafia dei ragazzi con video proiezione. Super interessante.

typo-078.jpg
typo-079.jpg

Erik Kessels

kesselskramer.com Eccolo, lui. Quello che ti ribalta come un calzino. Non so neanche come raccontarlo. Fondatore dell'agenzia KesselKramers, sbalordisce tutti con delle campagne pubblicitarie raffinate e potentissime. Una su tutte quella per The Hans Brinker Hotels, una catena di hotel (molto) economici.

typo-087.jpg

Ci parla dei libri che cura, raccogliendo foto ai mercatini delle pulci, ricostruendo storie.

typo-088.jpg

Ci racconta del lavoro dei fotografi di mucche, una cosa incredibile. Dedica un progetto fotografico ora in mostra a Reggio Emilia al padre restauratore di auto Topolino per hobby, ridotto in stato di infermità da un infarto nel 2013.

typo-091.jpg
typo-090.jpg
typo-092.jpg
typo-093.jpg
typo-097.jpg
typo-099.jpg

TNT POST - STAMP

typo-094.jpg
typo-100.jpg
typo-101.jpg
typo-102.jpg
typo-103.jpg
typo-104.jpg
typo-105.jpg
typo-106.jpg
typo-107.jpg
typo-108.jpg
typo-109.jpg
typo-110.jpg
typo-111.jpg

In almost every picture 11

typo-112.jpg

Livello lacrime: Oceano Pacifico.

Christoph Niemann

christophniemann.com Geniale illustratore. Parlano le immagini.

typo-113.jpg
typo-114.jpg
typo-115.jpg
typo-116.jpg
typo-117.jpg
typo-118.jpg
typo-119.jpg
typo-120.jpg
typo-121.jpg
typo-122.jpg

È finita

Grazie Berlino, ci rivedremo presto.

typo-125.jpg
typo-126.jpg
typo-127.jpg
Hurjyhppg0c2xw small

Un grafico al Fuorisalone 2015

Pubblicato in Report


Così sono andato a curiosare al Fuorisalone di Milano.

Senza skinny jeans, senza scarpe alla moda, senza ventre piatto, senza barba lunga e senza tatuaggi. Like a stranger in Moscow.

Questo è quel che mi son portato a casa.

Prima di tutto le sontuose installazioni di giganti come Asus, Lexus, in posti giganti tutti bui, caldi e claustrofobici, come questi:

Emmaboshi-Fuorisalone-00002.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00001.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00003.jpg

Non sono venuto a Milano per vedere questo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00000.jpg

Per fortuna poi si esce (è mezzogiorno) e si scoprono dei giardini, al primo piano, di questo genere. E ti torna il buonumore.

Emmaboshi-Fuorisalone-00006.jpg

Una signora stende i panni in Zona Tortona suscitando curiosità tra designer che si chiedono se per caso non fosse un performance di qualche marchio indipendente. Nel dubbio la taggo con: #stendino #design #swag

Emmaboshi-Fuorisalone-00005.jpg

Bel lettering e belle cose selezionate dal gruppo olandese Tuttobene. Sì si chiama così.

Emmaboshi-Fuorisalone-00010.jpg

Stallo di designer all'ingresso dello spazio espositivo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00009.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00011.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00012.jpg

Tipico scambio di campione di materiale in cambio di dati personali.

Emmaboshi-Fuorisalone-00013.jpg

Piastrelline racconta storie per Storytiles.

Emmaboshi-Fuorisalone-00014.jpg

Finalmente queste famose officine Ex-Ansaldo. Una città dentro la città dentro la città. Nel capannone qui in fondo vengono prodotto le scenografie per il Teatro alla Scala.

Emmaboshi-Fuorisalone-00016.jpg

Stand istituzionale Francese. Bella grafica. Bei colori (va bene sono quelli della bandiera, ma son belli).

Emmaboshi-Fuorisalone-00017.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00018.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00019.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00020.jpg

Compassi! Da quanto tempo non ne vedevo uno.

Stupendi.

Emmaboshi-Fuorisalone-00024.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00025.jpg

Il café della rivista francese Intramuros. Niente di che, se non che hanno delle belle sedie e un bel logo.

Vedi come lo catturi un grafico?

Emmaboshi-Fuorisalone-00021.jpg

Popcorn con la spilla. Non capisco, ma mi adeguo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00026.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00027.jpg

La mitica Chaise A compie 80 anni.

Emmaboshi-Fuorisalone-00022.jpg

Poi incontri Daniela Galvani (a dx) con il suo progetto What a space. A sinistra la mia guida Claudia (grazie!).

Emmaboshi-Fuorisalone-00029.jpg

La bellissima mini libreria di On Printed Paper.

Emmaboshi-Fuorisalone-00030.jpg

Un fantastico sgabello a dondolo con seduta in pietra di Lucas Munoz.

Emmaboshi-Fuorisalone-00033.jpg

Ricostruzioni in legno dipinto di svariati oggetti by Camilla Barnard. Effetto Celebrity Deathmatch.

Emmaboshi-Fuorisalone-00031.jpg

Delle pratiche lampadine potentissime con luminosità ridotta da una specie di calzino. Voto: #energysavingwhat?

Emmaboshi-Fuorisalone-00032.jpg

Potentissima installazione firmata Piero Lissoni per il marchio tailandese COTTO allo Spazio Alatha di via Savona.

Emmaboshi-Fuorisalone-00035.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00036.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00040.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00041.jpg

La mia guida Claudia su un fondale rovinato ad arte. Voto: Arsenale di Venezia.

Emmaboshi-Fuorisalone-00038.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00042.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00037.jpg

Quando un grafico incontro un manifestino rosso con un testo bianco a bandiera a sinistra scappa sempre un inchino.

Emmaboshi-Fuorisalone-00043.jpg

Poi si finisce nello showroom Stone Island dove vengono servite badilate di stile. A cominciare dall'edificio.

Emmaboshi-Fuorisalone-00044.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00045.jpg

Dentro: spazio, pulizia, silenzio, prodotti esposti come opere.

Emmaboshi-Fuorisalone-00047.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00049.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00048.jpg

Poi le vetrate blu che fanno sembrare ectoplasmi.

Emmaboshi-Fuorisalone-00050.jpg

Moooi non ha badato a spese con uno spazio livello hangar, ricchissimo di installazioni, oggetti, luci, tappeti, fondali. Da starci delle ore.

Emmaboshi-Fuorisalone-00052.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00054.jpg

Un pratico unicorno a dondolo per adulti.

Emmaboshi-Fuorisalone-00051.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00053.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00055.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00057.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00061.jpg

Fienile.

Emmaboshi-Fuorisalone-00056.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00058.jpg

Un tappetino così.

Emmaboshi-Fuorisalone-00059.jpg

Pranzo da Angelo’s, un posticino meraviglioso in via Savona. Consigliatissimo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00062.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00063.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00064.jpg

Ora inizia la follia, Tokio Design Week Milano. Un brulicare di micro-stand all'interno di un edificio enorme (un'abitudine ormai). Sembra di passeggiare per Tokio, per come mi immagino Tokio. Luci, colori, monitor, realtà aumentata, sorrisi e inchini a profusione.

In questa foto, un pratico cuscino.

Emmaboshi-Fuorisalone-00066.jpg

Tu che finisci in un videogioco con la realtà aumentatissima, ma l'impressione che lasci è diminutissima.

Emmaboshi-Fuorisalone-00067.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00071.jpg

Delle piadine/lampade da tavolo. Stupende.

Emmaboshi-Fuorisalone-00072.jpg

Ed eccola. L'installazione più bella per l'app più incredibilmente poetica che abbia mai visto. Si chiama Heart is in, notare anche la bellezza dell'url http://heartis.in. Un solo cuore, che viene passato tra due utenti. Uno tocca, e il cuore compare all'altro. E via così. La poesia.

Emmaboshi-Fuorisalone-00074.jpg

Una pioggia di palline appese a dei fili. Che sbattimento.

Emmaboshi-Fuorisalone-00076.jpg

La realtà aumentata di prima, vista dall'alto. La diminuzione persiste. Ok è diverte, ok.

Emmaboshi-Fuorisalone-00079.jpg

Il Museo delle Culture! Identità grafica strabiliante, palloncini colorati, starchitect, vetrofanie. Il grafico va in brodo di giuggiole.

Emmaboshi-Fuorisalone-00081.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00082.jpg

Tanti palloncini sono sempre tanti palloncini.

Emmaboshi-Fuorisalone-00083.jpg

Varianti del monogramma, ciao.

Emmaboshi-Fuorisalone-00085.jpg
Emmaboshi-Fuorisalone-00092.jpg

Più giuggiole please.

Emmaboshi-Fuorisalone-00095.jpg

Ancora giuggiole, qui please.

Emmaboshi-Fuorisalone-00096.jpg

Claudia e gradienti rosa viola. Molto bene.

Emmaboshi-Fuorisalone-00097.jpg


Uno che suonava un piaforte super futuristico di fianco ad un campo di bacchetti di fibre ottiche che si muovevano tipo grano per Honda. Vabè.

Emmaboshi-Fuorisalone-00098.jpg

Vivaio/defaticamento.

Emmaboshi-Fuorisalone-00099.jpg

Una bella partita a bocce da Morna, locale con annessa bocciofila (o viceversa) da passarci tutta una vita. Posto giustissimo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00102.jpg

Grazie Milano, sei bellissima.

Rqr6nx4i3xj3q small

Un grafico alla Fiera del Libro per Ragazzi 2015

Pubblicato in Report


Ieri pomeriggio ho spento tutto e ho visitato la Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, una immersione unica attraverso migliaia di mondi illustrati. Immaginari, culture, alfabeti. La quantità di belle immagini, di lettering, di idee visive inaspettate è strabiliante, e in più ora è anche possibile comprare i libri che hai bramato lungo il tuo ronzare da uno stand all’altro nell'apposita libreria.

Con il mio bagaglio di grafico post maniera volevo trovare l'inaspettato, e l'ho trovato, immaginato e rappresentato stupendamente. Questa è una serie di appunti che ho preso in giro Il sempre valido Asterix. Ri-noto solo ora la bellezza del lettering del logo e di quanti ricordi evochi.

IMG_2470.jpg

Bella soluzione di lettering retroilluminato per la Lettonia.

IMG_2477.jpg

Croazia, Paese Ospite d’Onore 2015, era presente con diversi stand. Uno di questi, tutto decorato a gesso, molto bello.

IMG_2478.jpg
IMG_2479.jpg

Questo invece il loro stand istituzionale, sul tema dell’acqua, con un verde molto luminoso e con un dettaglio del pescione (termine tecnico). Più info sulla presenza croata alla Fiera.

IMG_2472.jpg
IMG_2474.jpg

Belli gli ombrelli rossi appesi, belli anche i vestiti con una texture ispirata ai loro personaggi (voglio supporre).

IMG_2475.jpg

Sgabelli illustrati in legno massello (difficili da sfogliare).

IMG_2481.jpg

Altro allestimento molto economico nei materiali, ma molto arioso e di grande finezza.

IMG_2482.jpg

Il Brasile con il suo verde e con una scritta stupenda con dei gradienti al posto giusto. Sempre divertenti i grandi oblò (cucù! ops).

IMG_2489.jpg

Disegni a matita. Belli, semplici, sgangherati.

IMG_2492.jpg

Incontri affollatissimi al caffè degli autori. Notare autrice in allattamento.

IMG_2484.jpg

Stand Edelvives, casa editrice spagnola, tutto in arancione. Belli gli espositori a gradoni.

IMG_2493.jpg
IMG_2494.jpg

Vintage illustration di Catarina Sobral dal Portogallo. Prospettive alterate, colori fuori registro: benissimo!

IMG_2496.jpg
IMG_2497.jpg

Bellissimo pattern per il fondale per Les Éditions de la Pastèque da Montréal, Québec.

IMG_2491.jpg

Un monitor gigante tra le fauci spalancate di un patatoso orso giallo per Grimm Press da Taipei, Taiwan.

IMG_2503.jpg

Questo invece lo stand istituzionale di Taiwan. La bellezza di quel logo/ravanello. Stupendo. Belli anche gli espositori, i tavoli e tutto lo spazio che hanno lasciato libero.

IMG_2504.jpg
IMG_2505.jpg

Finalmente in Corea (sel Sud). Libri sempre stupendi, formati inaspettati, disegni semplici e gentilezza a mille: lo vedi quel ragazzo che prende un poster? Beh li regalava con un sorriso da qui a qui, a chiunque dimostrasse interesse sfogliando i loro libri.

IMG_2506.jpg
IMG_2507.jpg

Bellissimo lettering in bellissimo visual per il congresso di Ibby, «un'organizzazione no-profit che promuove a livello internazionale il diritto dei più giovani ai buoni libri e alla lettura, creando ovunque l'opportunità di accedere a libri di alto livello letterario e artistico, specialmente nei Paesi in via di sviluppo.»

IMG_2508.jpg

Libri appesi, cheap and chic.

IMG_2498.jpg

Bella anche questa soluzione retroilluminata, buffo anche il lupo per Miles Kelly Publishing dall'Essex, UK.

IMG_2517.jpg

Incontro con Grazia Gotti (a dx) allo stand Giunti per la presentazione del libro «Ne ho vedute tante da raccontar».

IMG_2519.jpg

«Siamo fatti così», versione 2015. Molto bello!

IMG_2511.jpg

Poi incontri la mitica Agnese Baruzzi!

IMG_2512.jpg

Enorme sfogliatore di poster. Effetto Lilliput.

IMG_2527.jpg

Grande lettering, grand layout, grande impatto morbidoso (si può dire?) per Messy goes to Okido. Non tutto il 3D viene per nuocere.

IMG_2521.jpg

Scopro che si tratta di una serie tv inglese in produzione. Nosy Crow di Londra, buffissimo nome, bel lettering, bel fondale. C'era una fila di almeno trenta illustratori con il proprio portfolio che aspettavano di sottoporglielo.

IMG_2531.jpg

Libri stupendi e bel totem super economico per Cambridge School of Art.

IMG_2530.jpg

Una inquietante enorme Peppa Pig si aggirava tra gli stand seminando il panico. Effetto Blair Witch Project.

IMG_2536.jpg

Tutti a colorare un mega disegno.

IMG_2534.jpg

Teche di libri nuovi. In primo piano il bellissimo Beastly Verse di Joohee Yoon.

IMG_2600.jpg
IMG_2599.jpg

E ritorna lo stupendo pesce-castello della mostra Living waters, living stories della Croazia.

IMG_2595.jpg
IMG_2597.jpg

Un bellissimo bosco fondale.

IMG_2525.jpg

Interviste da molto lontano.

IMG_2601.jpg

Infine la libreria, dove ho lasciato €105 di libri stupendi.

IMG_2606.jpg

Viva i libri, viva l'infanzia, viva Las Vegas!

Scale mobili vs ascensori

Pubblicato in Report


L'evento era al Teatro Duse di Bologna, una location strepitosa che fa il paio con il Cinema Sarti di Faenza, dove ha luogo la Kerning conference).

Prima ancora di prendere posto trovo il valido Andrea De Carolis con il suo side project Bologna Open Device Lab, la stazione bolognese di un movimento mondiale che mette a disposizione di tutti, gratuitamente, la possibilità di testare siti e app su diversi dispositivi contemporaneamente per vedere se funzionano correttamente. Utilissimo per chi, come noi, il web lo costruisce (seppur a livello di umili scalpellini).

Scalpellini
Foto di noi che guardiamo il nostro sito al Device Lab

Jeremy Keith

adactio.com Lo speaker che stavo aspettando era proprio lui. One web lo vidi a Cesena quattro anni fa e rimodellò il modo in cui approcciavo il webdesign. All'epoca iniziavano a diffondersi gli smartphone e alcuni, presi dalla curiosità, non esitarono ad usarli per esplorare quel mondo magico chiamato vu vu vu.

Nelle grandi companies vigeva la tendenza di fare un sito mobile separato dal sito ‘normale’ per i desktop (il più classico dei quali era m.corriere.it), aumentando complessità, dispersione di energie e difficoltà nella manutenzione. Quante volte capitava di aprire un link che era stato condiviso da mobile e vi trovavate a navigare il sito mobile da desktop? Cioè io non ci dormivo, e tutt’ora, nelle notti di luna piena, ritorna l'incubo di me davanti ad un Cinema Display cento pollici ad aprire un link cruciale che si rivela una colonnina striminzita di pallido testo in un oceano di bianco.

Uhm
Non capisco, ma mi adeguo.

All'epoca Jeremy (partner di una delle agenzie più stimate nel mondo del web: Clearleft), ci spiegò che esisteva, per l'appunto, un solo web. Non un web per i cellulari e un web per i computer. I siti si dovevano adattare fluidamente a qualsivoglia schermo che li visualizzasse. The Dao of webdesign che, pure avendo quattordici anni di età, rimane un must read per chi fa questo mestiere. Ci porta questa citazione

Progressive enhancement is more about dealing with technology failing than technology not being supported. And you can quote me on that. — Andy Hume (@andyhume) 3 Giugno 2013

Avere quindi a che fare con l'errore, il fallimento, l'imprevisto, che c'è, è lì, appena esci dalla porta. http://en.wikipedia.org/wiki/P... (miglioramenti progressivi). Non più solo graceful degradation, cioè progetto per i più capaci poi penso a ridurre per i più fragili, ma progetto per i deboli e poi aggiungo per i (browser) più capaci. Stupendo!

“Be conservative in what you do, be liberal in what you accept from others.” A nice read on form entry UX. http://t.co/sF12FjBCbR — Sasha Laundy (@SashaLaundy) 19 Settembre 2013

Riguarda soprattutto il comportamento delle form, ma si può applicare a tutto (anche alla vita). Dobbiamo abbandonare l’idea che solletica ancora molti webdesigner: o ti do 100% oppure ti becchi zero. Ovvero l'idea alla base della tecnologia Flash (ti ricordi quelle intro animate?) Tutti si devono beccare (scusate il tecnicismo) qualcosa, che è la cosa carina delle feste.

Il resto della conferenza

È stata splendida. Qui trovate la lista dei pregevoli speaker, ma alla fine, io dopo avere sentito Jeremy Keith, ero già a posto.

Altri post