Blog

* Natura

Scritto in Opinioni di un dandy, Archivio storico


di Lord Brummell



Natura. Di ritorno a Bologna ho notato con costernazione la morte delle mie piante aromatiche. Il guaio dell’abitare soli. E che nessuno ri-proponga il tema dell’abbandono degli animali. Qui si parla di rosmarino, di salvia, di maggiorana. Morta la maggiorana, un arbusto si erige sul suo terriccio agonizzante. Classico, le erbacce non hanno bisogno di noi. Da qui, una riflessione. I movimenti naturisti che si alternano nel corso dell’evoluzione del pensiero, hanno un denominatore comune. Il terreno. Proliferano quando la fiducia nelle capacità positive degli esseri umani scende ai minimi storici. Il Walden di Thoreau, L’attimo fuggente, Tolkien e gli agriturismo. Ma siamo sicuri che la natura sia – in sé – così buona da costituire un rifugio dal (dis)umano? E se è un rifugio per tutti, che ne è della natura? Non è la morale di Into the Wild?

Questo post risale al 3 settembre 2008



Ancora voglia di leggere?

Fantastico, ti posso proporre Segesta di 4465 giorni fa

Segesta

Membro della balotta di La blog balotta webring

Precedente Random Successivo