Blog

* Corsi

Scritto in Opinioni di un dandy, Archivio storico


di Lord Brummell



Corsi. Non è un mistero. Woody Allen lo asserisce da tempo. La nostra civiltà è indiscutibilmente caratterizzata dalla mania di frequentare corsi. Per qualunque ragione, motivo o sentimento. Ma insomma! Direi che è per lo meno seccante, cercare un amico per bere qualcosa e sentirsi rispondere che è meglio rimandare per via del fondamentale corso di scrittura creativa che lo trasformerà nel nuovo Joyce da lì a pochi mesi. Si profila forse un esercito di cinture nere di Karate, che parlano benissimo il tedesco e che tengono a bada l'ansia perchè un corso fondamentale di shivarismo tantrico (quello di stile dionisiaco, di cui parla Franco Battiato) ha insegnato loro a fare sesso rispettando l'altro in quanto creatura della terra? Eh già, perchè nel frattempo è cominciato anche il corso di pari opportunità. Ma allora è evidente, tutto gira intorno al sesso (perchè il sesso tira su, e poi dicono che i Neri per Caso non sono filosofi!). In palestra per piacere, al corso di inglese per essere competitivi sul mercato (ma anche per viaggiare e conoscere gente nuova, suvvia...), al corso di cucina per dimostrare al proprio lui o alla propria lei di essere creativo, frizzante, al passo coi tempi. La prospettiva della retorica dell'esperienza è forse necessaria. Ma fa orrore. Ne parlo col barista, al bancone. Mi risponde che gli piacerebbe discutere con me, ma sta scappando al corso di barman acrobatico. Resto solo, è lampante. C'è un corso per smettere di odiare i corsi?

Questo post risale al 15 maggio 2008



Ancora voglia di leggere?

Fantastico, ti posso proporre Hey cumpari di 4579 giorni fa

Membro della balotta di La blog balotta webring

Precedente Random Successivo