questo l’ho fatto io

102 post

Io e Umberto Maria Giardini

Pubblicato in questo l’ho fatto io


Umberto Maria Giardini è il nome dietro cui si celano diversi progetti musicali, Moltheni, Stella Maris ecc. Io e Umberto ci conoscemmo nel 2005 quando lui cercava un grafico per il suo nuovo disco Splendore terrore e io una stanza a Bologna. All’epoca non conoscevo il nome Moltheni (che pur essendo il nome della intera band ha finito per significare semplicemente Umberto Giardini), ignoravo anche il fatto che avesse ad esempio partecipato a Sanremo nel 2000.

Vissi da lui per un anno, in un appartamento bellissimo, ebbi modo di conoscere il suo mondo, le sue passioni e la sua vera persona. Da allora ho fatto molti progetti grafici per le sue produzioni.

Moltheni, Splendore Terrore (2005)

Sin da questo primo progetto fu evidente quanto Umberto avesse le idee chiare sulla grafica dei suoi album. La prima volta che lavorammo insieme, cioè su questo disco, mi disse «Emma, in copertina ci va questa campana» «Una campana Umberto?» «Sì, una campana». E aveva ragione.

MG 4044
MG 4050

A partire dal disco abbiamo progettato anche il poster del tour e il merchandising.

2005 MANIFESTI moltheni
Moltheni
Molthenibags OK

Moltheni, Toilette Memoria (2006)

L'ispirazione qui è nata da un kimono giapponese di Umberto.

MG 4056
MG 4057
MG 4058

Umberto Maria Giardini - Futuro Proximo (2017)

Nel frattempo Umberto ha iniziato anche a firmare alcuni brani come Umberto Maria Giardini e a inizio 2017 mi chiama per la grafica del suo disco Futuro Proximo. Mi diede alcune referenze di copertine provenienti dal mondo del jazz anni Cinquanta e Sessanta, copertine di solo lettering, caratteri compatti, tinte piatte.

MG 0173
MG 0176
MG 0178
16177612 1084267005034971 389293881408893778 o
Vinile
Manifesto
Manifesto2
Studio tshirt umberto2

Umberto Maria Giardini, Il giorno che muore (2017)

In questo caso Umberto aveva una vecchia fotografia della comunione di una amica a cui era molto legato. Abbiamo lavorato sul colore verso il quale virare la fotografia e la ricerca di un font che contrastasse in maniera netta dalla sacralità dell'immagine.

Copertina quadrata 2 fronte
Copertina quadrata 2 retro

Stella maris, Eleonora no (2017)

Verso fine 2017 Umberto mi chiama per annunciarmi che sta partendo con un nuovo progetto ispirato agli Smiths che si chiamerà Stella Maris. Abbiamo iniziato a lavorare alla grafica del singolo di debutto, Eleonora no, uscito solo in vinile 12 pollici a tiratura limitata.

Anche qui la foto è arrivata insieme ad Umberto, fisicamente.

Copertina
Copertina completa eleonora
Umbe

Stella maris, album (2017)

Verso fine anno abbiamo lavorato invece alla grafica dell’album che porta il nome della band, questa volta vinile e cd con booklet. Anche in questo caso, Umberto è venuto in studio con le idee chiare e due fotografie zenitali di piatti in ceramica decorati. Abbiamo progettato cd jewel box con booklet e vinile.

Di questo disco ne parlano Rolling Stone Italia, Rockit, Internazionale, Lost Highways, Indie for bunnies

Copertina 180202 135247
Copertina completa
26734070 408188756281146 8143761713335953872 n

Un manifesto per i settant'anni della Costituzione

Pubblicato in questo l’ho fatto io


Uno degli ultimi giorni lavorativi prima del Natale scorso, quando, come in Tetris, lo schermo si sta congestionando, la musica incalza e sei ad un passo dal Game Over, Fabio di Ada mi dice «Emma, ti va di fare un manifesto per i settant'anni della Costituzione? Ovviamente era per ieri».

La formula «era per ieri» già da sola ti fa partire male, ma il tema della Costituzione mi intrigava. Non mi ero mai confrontato con un tema del genere. In più era tanto tempo che non progettavo una affissione e mi mancava. Un bel formato 70x100 cm.

Ovviamente non ci sono foto, che non siano trite e ritrite, che possano diventare protagoniste di un manifesto sulla Costituzione allora ho pensato che fosse interessante usare l'intero testo della costituzione come texture. Una texture che potesse anche essere letta da chi si avvicinasse al manifesto, ma che da lontano desse la sensazione di una decorazione.

Ho cercato il testo integrale in .rtf di modo che avesse grassetti e corsivi, per mantenerli. A quel punto non restava che provare se riempiva tutta la superficie del manifesto rimanendo ad una dimensione leggibile. Dopo vari tentativi la roulette si è fermata sul 9, anzi sul 9,333 pt (a 9,334 pt il testo sarebbe sceso di diverse righe). La dimensione di 9,3 pt del testo è oggettivamente un po' piccolina, magari più adatta ad un biglietto da visita, o ad un flyer, ma era il giusto compromesso.

In affissione i manifesti vengono inevitabilmente posizionati un po' storti, sovrapposti, ma sorpattutto vengono attaccati su decine di altri vecchi manifesti che increspandosi finiscono per somigliare al tronco di un ulivo secolare. Per stare dalla parte dei bottoni meglio impostare il progetto su diversi livelli di lettura: da lontano emerge il gigantesco settanta, seguito dai testi rossi, dall'emblema della città di Modena (committente), infine la trama creata dal testo integrale sullo sfondo, come una ciliegina per chi avrà la curiosità di avvicinarsi fino ad un palmo.

Struttura 2
Manifesto Costituzione

Spero che questo manifesto abbia vita al di là delle affissioni di questo inizio gennaio e magari che venga distribuito nelle scuole, dove a quel punto la leggibilità del testo integrale tornerà ad essere al massimo.

IMG 3137
IMG 3140
IMG 3138

Restyling logo Hello Bologna

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite D-sign


Per Dsign ho realizzato questo restyling del logo di Hello Bologna, portale dedicato al turismo business a Bologna.

Restyling logo hello bologna

La torre riflette

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io


I novecento anni di storia della torre degli Asinelli sono stati proiettati sui 97m della torre stessa, tramite i visual di Elisa Serravalli.

Un progetto Articolture nell'ambito de La selva turrita, progetto di valorizzazione delle torri di Bologna Per questo evento ho realizzato la comunicazione visiva. Manifesti 140x200 in affissione per la città, cartoline, vele.

Su questa pagina di Flickr trovate una esaustiva documentazione fotografica della serata, ad opera di Marta Papini.
La torre riflette 140x200
4004446181 11591c4b0f
(Foto di Marta Papini) 8.000 persone col naso all'insù erano in via Rizzoli sabato 10 ottobre per La torre riflette, la più grande videoproiezione architettonica mai realizzata in città.
8824 1269984709082 1213775152 30791465 5749858 n
(Foto di Daniele Mantovani)
8824 1269981989014 1213775152 30791440 7336129 n

Eggleston alla Cineteca di Bologna

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite D-sign


Cartolina-fotografia-al-cinema1-1.jpg

Rupi del vino

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite D-sign


Un film documentario di Ermanno Olmi, tre progetti di locandina

Le rupi del vino 5

Ma.Strum

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite D-sign


Mastrum Harrods 1

L'Albania si scopre | Alcuni pannelli della mostra

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite ADA


Alcuni dei 37 pannelli che compongono la mostra, che ho progettato insieme a Fabio Boni e ADA.

Nuove arti

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite D-sign


Ecco il primo dei progetti che ho seguito qui a D-sign. Si tratta dell'immagine della serata di premiazione del concorso Nuove arti, promosso da Fondazione Del Monte, MAMbo, Università di Bologna e Cineteca di Bologna.

L'Albania si scopre | Immagini da una storia ancora in corso

Pubblicato in Archivio storico, questo l’ho fatto io, tramite ADA


Ecco una esaustiva documentazione fotografica del mio ultimo lavoro con l'amatissima ADA.
Insieme a Fabio Boni ho progettato la grafica e l'allestimento di questa mostra che racconta, in 37 pannelli, una storia fotografica dell'Albania.
La mostra ha inaugurato a Torino il 26 giugno 2009.
Altri post