Val di Setta a Bassa Velocità

Progetto di identità visiva e sito per la riqualificazione ambientale e culturale della Val Di Setta.

Val di Setta a Bassa Velocità
Cliente: Ciclostile Architettura
Progetto: Identità visiva, Immagine coordinata, Logo, Web, Webdesign, Sviluppo
Anno: 2017

Il territorio della Val di Setta, nell’Appennino bolognese, ha subito negli ultimi anni un processo di profonda mutazione dovuto ai lavori per la realizzazione di opere imponenti come la linea ferroviaria, l’autostrada A1 e la Variante di Valico.

Il progetto Bassa Velocità è nato per rigenerarne il territorio, uscito duramente provato dai lavori. L’Unione dei comuni dell’Appennino bolognese ha incaricato lo Ciclostile Architettura di condurre il processo partecipativo e progettuale e con loro noi abbiamo creato l’identità visiva e gli strumenti di comunicazione.

logo

A questo sistema di partecipazione abbiamo dato una veste grafica immediata e versatile che si è declinata nel logo generale e tutte le sue declinazioni territoriali (Marzabotto a Bassa Velocità, Monzuno a Bassa Velocità, ecc).

flyer

Il concept grafico, semplicissimo, è l’antitesi dell’alta velocità. Il font è inclinato in senso opposto a quello verso destra, tipico della velocità. Il verde è il colore quasi obbligato per un territorio verdissimo.

sito

Il sito internet, vero diario di questo processo partecipativo, è stato progettato per essere usabile e pratico archivio dei materiali prodotti in itinere e delle decisioni collegiali prese. Ad ognuno dei cinque Comuni coinvolti abbiamo abbinato un'etichetta colorata, per rendere più facile per un utente interessato a quella zona raggiungere le notizie. Basato su Wordpress il sito è stato messo in codice da Matteo Trapella.

valdisettabassavelocità.it

il nostro primo url con un accento.

Ipse dixit

Lamberto Riguzzi

Lamberto Riguzzi

Owner

Teaching House

È stato un piacere lavorare con Emanuele: per me che non posseggo nessuna competenza tecnica anche solo descrivere ciò che volevo sembrava difficile. Beh, quest’incontro mi conferma sempre di più nell’idea che solo i professionisti garantiscono risultati professionali.