Brio

Progetto di identità dal sapore vintage per la prima pasticceria glutine free di Verona.

Brio
Cliente: Brio Gluten Free Bakery
Progetto: Identità visiva, Immagine coordinata, Logo, Illustrazioni originali, Packaging
Anno: 2014

Il progetto di identità è partito dal naming, in cui abbiamo cercato di riassumere i concetti chiave: genuinità, freschezza e bontà senza l'aura di privazione o di 'sanitario' comune in molti prodotti rivolte al mondo della celiachia.

Il colore istituzionale sia per il logo che per il locale è stato ispirato da un film:

Ti allego una foto di Molière in bicicletta perché gli interni della casa in campagna del protagonista sono perfetti. Quell’azzurro grigio che c’è sullo sfondo: è lui, secondo me.

Molière in bicicletta

Il lettering del logo, un po’ retro, prende spunto dalle vecchie scritte sulle scatole di biscotti e dalle carte classiche da pasticceria, come pure la sagoma dentro cui è inserito. Simmetrica, leggera ed elegante.

Logo

Il progetto di identità è arrivato a completamento con un pattern illustrato originale in cui sono stati rappresentati i prodotti e gli oggetti chiave. Il tratto pittorico, manuale, sottolinea la freschezza e l'artigianalità della produzione di Brio.

Cartolina

Con dei semplici adesivi tondi abbiamo decorato i packaging dei biscotti.

L'applicazione dell'identità grafica ha poi trovato realizzazione sulla decorazione della serranda esterna e sulle vetrofanie.

Copy: Erica Scigliuolo / Illustrazioni: Tamara Garcevic.

Pack Mandorle E Cannella 120Gr
Il packaging da 120g (Foto Francesco Ridolfi)
Pack 50 Gr Composizione
I packaging da 50g (Foto Francesco Ridolfi)
471Bd162 7064 43B4 A9Dd D18E0Afed2C8
(Foto Francesco Ridolfi)
Pack Gruppo Crackerini 120Gr
La gamma prodotti salati (Foto Francesco Ridolfi)
Pack4
Pack Sbrisolona
805 2602
Il negozio di San Martino Buon Albergo (Verona)
Serranda
La pittura della serranda

Ipse dixit

Sergio Bettini

Sergio Bettini

Architetto

Studio Bettini architetti

Siamo molto contenti di aver affidato a Emmaboshi la cura del nostro nuovo sito dello Studio Bettini architetti. 

Non era semplice raccogliere nella stessa cornice ambiti raramente riconducibili a uno studio di architetti, che unisse ai progetti e alle realizzazioni, anche le pubblicazioni scientifiche e uno spazio per la didattica universitaria. 

Emmaboshi ha trovato la giusta cornice cogliendo pienamente il nostro approccio professionale e la cultura che lo anima, con una proposta leggibile e di agile fruizione. Ora non abbiamo solo un sito, ma un libro da sfogliare in rete, di cui le lunghe schede storico-critiche che descrivono i lavori sono la testimonianza più concreta. 

Grazie Emmaboshi!