Blog

Un grafico al Fuorisalone 2015

Scritto in Report

Così sono andato a curiosare al Fuorisalone di Milano.

Senza skinny jeans, senza scarpe alla moda, senza ventre piatto, senza barba lunga e senza tatuaggi. Like a stranger in Moscow.

Questo è quel che mi son portato a casa.

Prima di tutto le sontuose installazioni di giganti come Asus, Lexus, in posti giganti tutti bui, caldi e claustrofobici, come questi:

Emmaboshi-Fuorisalone-00002.jpg

Emmaboshi-Fuorisalone-00001.jpg

Emmaboshi-Fuorisalone-00003.jpg

Non sono venuto a Milano per vedere questo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00000.jpg

Per fortuna poi si esce (è mezzogiorno) e si scoprono dei giardini, al primo piano, di questo genere. E ti torna il buonumore.

Emmaboshi-Fuorisalone-00006.jpg

Una signora stende i panni in Zona Tortona suscitando curiosità tra designer che si chiedono se per caso non fosse un performance di qualche marchio indipendente. Nel dubbio la taggo con: #stendino #design #swag

Emmaboshi-Fuorisalone-00005.jpg

Bel lettering e belle cose selezionate dal gruppo olandese Tuttobene. Sì si chiama così.

Emmaboshi-Fuorisalone-00010.jpg

Stallo di designer all'ingresso dello spazio espositivo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00009.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00011.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00012.jpg

Tipico scambio di campione di materiale in cambio di dati personali.

Emmaboshi-Fuorisalone-00013.jpg

Piastrelline racconta storie per Storytiles.

Emmaboshi-Fuorisalone-00014.jpg

Finalmente queste famose officine Ex-Ansaldo. Una città dentro la città dentro la città. Nel capannone qui in fondo vengono prodotto le scenografie per il Teatro alla Scala.

Emmaboshi-Fuorisalone-00016.jpg

Stand istituzionale Francese. Bella grafica. Bei colori (va bene sono quelli della bandiera, ma son belli).

Emmaboshi-Fuorisalone-00017.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00018.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00019.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00020.jpg

Compassi! Da quanto tempo non ne vedevo uno.

Stupendi.

Emmaboshi-Fuorisalone-00024.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00025.jpg

Il café della rivista francese Intramuros. Niente di che, se non che hanno delle belle sedie e un bel logo.

Vedi come lo catturi un grafico?

Emmaboshi-Fuorisalone-00021.jpg

Popcorn con la spilla. Non capisco, ma mi adeguo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00026.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00027.jpg

La mitica Chaise A compie 80 anni.

Emmaboshi-Fuorisalone-00022.jpg

Poi incontri Daniela Galvani (a dx) con il suo progetto What a space. A sinistra la mia guida Claudia (grazie!).

Emmaboshi-Fuorisalone-00029.jpg

La bellissima mini libreria di On Printed Paper.

Emmaboshi-Fuorisalone-00030.jpg

Un fantastico sgabello a dondolo con seduta in pietra di Lucas Munoz.

Emmaboshi-Fuorisalone-00033.jpg

Ricostruzioni in legno dipinto di svariati oggetti by Camilla Barnard. Effetto Celebrity Deathmatch.

Emmaboshi-Fuorisalone-00031.jpg

Delle pratiche lampadine potentissime con luminosità ridotta da una specie di calzino. Voto: #energysavingwhat?

Emmaboshi-Fuorisalone-00032.jpg

Potentissima installazione firmata Piero Lissoni per il marchio tailandese COTTO allo Spazio Alatha di via Savona.

Emmaboshi-Fuorisalone-00035.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00036.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00040.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00041.jpg

La mia guida Claudia su un fondale rovinato ad arte. Voto: Arsenale di Venezia.

Emmaboshi-Fuorisalone-00038.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00042.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00037.jpg

Quando un grafico incontro un manifestino rosso con un testo bianco a bandiera a sinistra scappa sempre un inchino.

Emmaboshi-Fuorisalone-00043.jpg

Poi si finisce nello showroom Stone Island dove vengono servite badilate di stile. A cominciare dall'edificio.

Emmaboshi-Fuorisalone-00044.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00045.jpg

Dentro: spazio, pulizia, silenzio, prodotti esposti come opere.

Emmaboshi-Fuorisalone-00047.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00049.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00048.jpg

Poi le vetrate blu che fanno sembrare ectoplasmi.

Emmaboshi-Fuorisalone-00050.jpg

Moooi non ha badato a spese con uno spazio livello hangar, ricchissimo di installazioni, oggetti, luci, tappeti, fondali. Da starci delle ore.

Emmaboshi-Fuorisalone-00052.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00054.jpg

Un pratico unicorno a dondolo per adulti.

Emmaboshi-Fuorisalone-00051.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00053.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00055.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00057.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00061.jpg

Fienile.

Emmaboshi-Fuorisalone-00056.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00058.jpg

Un tappetino così.

Emmaboshi-Fuorisalone-00059.jpg

Pranzo da Angelo’s, un posticino meraviglioso in via Savona. Consigliatissimo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00062.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00063.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00064.jpg

Ora inizia la follia, Tokio Design Week Milano. Un brulicare di micro-stand all'interno di un edificio enorme (un'abitudine ormai). Sembra di passeggiare per Tokio, per come mi immagino Tokio. Luci, colori, monitor, realtà aumentata, sorrisi e inchini a profusione.

In questa foto, un pratico cuscino.

Emmaboshi-Fuorisalone-00066.jpg

Tu che finisci in un videogioco con la realtà aumentatissima, ma l'impressione che lasci è diminutissima.

Emmaboshi-Fuorisalone-00067.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00071.jpg

Delle piadine/lampade da tavolo. Stupende.

Emmaboshi-Fuorisalone-00072.jpg

Ed eccola. L'installazione più bella per l'app più incredibilmente poetica che abbia mai visto. Si chiama Heart is in, notare anche la bellezza dell'url http://heartis.in. Un solo cuore, che viene passato tra due utenti. Uno tocca, e il cuore compare all'altro. E via così. La poesia.

Emmaboshi-Fuorisalone-00074.jpg

Una pioggia di palline appese a dei fili. Che sbattimento.

Emmaboshi-Fuorisalone-00076.jpg

La realtà aumentata di prima, vista dall'alto. La diminuzione persiste. Ok è diverte, ok.

Emmaboshi-Fuorisalone-00079.jpg

Il Museo delle Culture! Identità grafica strabiliante, palloncini colorati, starchitect, vetrofanie. Il grafico va in brodo di giuggiole.

Emmaboshi-Fuorisalone-00081.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00082.jpg

Tanti palloncini sono sempre tanti palloncini.

Emmaboshi-Fuorisalone-00083.jpg

Varianti del monogramma, ciao.

Emmaboshi-Fuorisalone-00085.jpgEmmaboshi-Fuorisalone-00092.jpg

Più giuggiole please.

Emmaboshi-Fuorisalone-00095.jpg

Ancora giuggiole, qui please.

Emmaboshi-Fuorisalone-00096.jpg

Claudia e gradienti rosa viola. Molto bene.

Emmaboshi-Fuorisalone-00097.jpg

Uno che suonava un piaforte super futuristico di fianco ad un campo di bacchetti di fibre ottiche che si muovevano tipo grano per Honda. Vabè. Emmaboshi-Fuorisalone-00098.jpg

Vivaio/defaticamento.

Emmaboshi-Fuorisalone-00099.jpg

Una bella partita a bocce da Morna, locale con annessa bocciofila (o viceversa) da passarci tutta una vita. Posto giustissimo.

Emmaboshi-Fuorisalone-00102.jpg

Grazie Milano, sei bellissima.

Questo post risale al 16 aprile 2015



Ancora voglia di leggere?

Fantastico, ti posso proporre Un grafico alla Fiera del Libro per Ragazzi 2015 di 1512 giorni fa

Un grafico alla Fiera del Libro per Ragazzi 2015